Cosa c’è dentro: le parti della cellula (e ciò che mi piace osservare 🔍)

 

cellula fairy parts.jpg

Collage tratto dalla miniserie “cosa c’è dentro”
Immagine: illustrazione di un libro di scienze degli anni 70
Parole: vocaboli da un dizionario italiano/inglese per bambini degli anni 90

Mi piace il bianco.

Mi piacciono alcune cose che non riesco a inquadrare per descriverle. Come lo spazio stagno tra due doppi vetri, come una vasta terra glaciale in miniatura.

Come i corridoi nelle case, che nessuno osserva mentre passa, e quando ci si fa caso sembrano mondi nuovi, paralleli, mai visitati prima, o antichissimi.

Mi piacciono gli adesivi vecchi sulle pareti che sono rimasti nei decenni indisturbati, e anche loro non guardati, sopravvissuti a ogni repulisti. Forse ecco, mi piacciono proprio le cose inosservate, dette poco importanti, nemmeno dette.

Mi piacciono i buchi nei lavandini come fossero degli oblò di grandi navi, e il fondo come una enorme stanza bianca e vuota sotterranea. Mi piacciono le piante grasse che crescono nei loro meccanismi strani.

Mi piacciono tutte le cose che nessuno nota.

Sento conforto e compagnia, una forza interiore nel guardarle. Come un tesoro sepolto dentro, luminoso. Che poi è più un modo di osservare, e poco importa il soggetto, anche se alcuni stimolano questa modalità.

In un mondo mortale dove nessun fatto o forma resta nel tempo, e quindi nulla può contare davvero, le cose che meritano più attenzione e gloria, e che contengono più magia, non possono che essere proprio le più inutili, brevi, o inosservate.

11 Comments

    1. Belle! è vero! *_* Anche i formicai enormi O_O
      Da piccola mi ricordo che avevo tante formiche sul balcone intorno ai vasi, e ho messo della mollica rammollita con l’acqua per terra, per “dare da mangiare” alle formiche, e mangiavano! 😀

      Piace a 1 persona

  1. “Mi piacciono tutte le cose che nessuno nota.

    Sento conforto e compagnia, una forza interiore nel guardarle. Come un tesoro sepolto dentro, luminoso. Che poi è più un modo di osservare, e poco importa il soggetto, anche se alcuni stimolano questa modalità”

    A me piace un casino questo passaggio. Nei piccoli dettagli, nelle cose che passano inosservate e anche nelle cose che uno considera parte integrante della normalità di tutti i giorni si può nascondere un mondo intero.

    Piace a 1 persona

    1. Che bello!! *_* ❤ Anche per me è il passaggio più importante, mi fa felice se viene sentito, e che anche tu la vivi così… è vero, l'hai spiegato ancora meglio e completato ❤ ❤ è proprio così *-*

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...