Lo spazio interno

polmo
Immagine del collage: tratta dal libro “Moderna guida medica” degli anni ’90, che elenca i sintomi e le malattie.
Parole: da libri vecchi e rovinati vari, e soprattutto da “L’ipnotista” di Lars Kepler.

Questo collage è sullo spazio interno. Lo spazio interno è la mia ricerca maggiore nella vita, oltre alle domande su chi è l’uomo, dove è prima di nascere, dove va dopo la morte, come è nato e se c’è vita aliena nell’universo o sulla Terra.

Quello che lo rende interessante è che lo percepisco quando ormai è andato via, o appena lo cerco già non c’è più, resta solo un’idea. Si trova tra due parole, tra due azioni, ma mai nel presente vero. Oppure quando lo si coglie nel presente vero non si sa che lo si sta cogliendo. Come quando si è rilassati o si sta facendo una cosa piacevole, o si gioca, o si ha un punto di vista fresco. Ma appena lo cogli scivola via.

La mia gara personale è quella di crogiolarmici il più possibile, di cercarlo non cercandolo troppo, di trasformare il ricordo o il pregustarlo come fosse anch’esso spazio interno nel presente, dato che nel presente è tanto sfuggente. Cercare di tenermelo dentro il più possibile, o tirarlo fuori come un filtro di visione limpida, come dopo la pioggia. Come una lente magica.

Anche nei momenti detti noiosi o di attesa, o negativi da lasciar passare, si può fare. E quando si riesce si è quasi grati di aver avuto quei momenti grigi, perché quel grigio si è trasformato in pioggerella interiore, come un pomeriggio di fine o inizio inverno, quando non fa ancora buio tanto presto.

 

38 Comments

  1. Ciao Sara, ciò che leggo è assolutamente meraviglioso. Lo stupore resta, ma anche la serenità, la piacevole conferma della tua scrittura, la profondità con la quale riesci a cogliere così tanti particolari e sfumature. L’immagine che hai scelto, mi richiama alla mente un disegno che ho fatto tempo fa in ospedale, mi hanno operato d’urgenza e ho disegnato i miei polmoni, come se fossero uno spazio liquido e in sospensione. Complimenti, la tua scrittura mi rende di buon umore :), i tuoi interrogativi, anche di più, se possibile…
    buon fine settimana.
    un abbraccio.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Ben! Che meraviglia il tuo commento, grazie davvero *-*
      Mi fa piacere che ti sia sintonizzato bene su questo, è un concetto fondamentale per me… più che un concetto, un fulcro di attenzione e astrazione 😊
      Che interessante il tuo racconto del disegno fatto in ospedale, sarebbe bello poterlo vedere! °-°
      Ora stai bene? 🙂
      Buon fine settimana anche a te! 🤗

      "Mi piace"

      1. Anche la tua frase lo era! 😀👌
        Adoro il Tao Te Ching, come dicevo a Ysingrinus (spero di averlo scritto giusto 😅), ce l’ho in tante edizioni! *–*
        Vado a leggere!

        "Mi piace"

      2. Vero!!
        La mia edizione preferita nel complesso è la Adelphi, ma la Feltrinelli è a parte, stra interessante non solo per le singole parole tradotte, ma per i confronti tra varie traduzioni!!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...