La mosca

mosca
Elementi del collage: immagine tratta dai fascicoli ritagliabili dell’enciclopedia “Il libro delle mie ricerche” degli anni 70 e parole ritagliate da libri vari di letteratura e scienze.

I pensieri negativi sono come mosche.

Entrano nella stanza, basta una fessura. Poi ronzano e ronzano, fino a entrarti dentro.

Da un orecchio, se sotto forma di parole che senti pronunciare e che ti turbano.

Oppure dalla bocca, attraverso dubbi che tu stesso dici, o pensi.

O dal naso, attraverso odori che non ti tornano, e ti aprono buchi neri.

Solo vedendoli come mosche, si ha una minima possibilità di non farli vincere.

La loro vittoria consiste nel passare la barriera umana, e stabilirvisi dentro, per prosperare.

Nutrendosi delle nostre angosce, come il nettare più divino.

 

82 Comments

  1. Guarda, io ne avevo uno proprio stamattina, quando mio fratello con un messaggio mi ha annunciato “devo dirti una cosa di papà”.
    Caxxo! Che è successo?
    Trepidante per la sua telefonata, alla fine mi dice che è ipocondriaco (guarda un po!) e che la visita odierna ha evidenziato che sta benissimo!

    Ed io avevo già i pensieri peggiori in testa!

    Piace a 3 people

    1. Come ti capisco!! 0_0
      L’ipocondria poi è tra i regnanti dei pensieri paranoici… a quanto pare poi vedo che anche tu ce l’hai pure per gli altri! Io l’avevo anche col mio gatto… e immagino anche tu!
      Credo che la cosa più importante sia prenderne coscienza ed accettarlo, poi pian piano cercare di dare meno peso a questi pensieri martellanti (anche perché comunque di fatto inutili) nonostante dicano di fare il contrario! O almeno provarci ;D

      Piace a 3 people

      1. Mi fanno più paura le cavallette, quelle grosse °_° Non mi fanno schifo, poi non le ucciderei mai, non uccido neanche i ragni! Di loro non ho paura, tranne che di quelli enormi! Ma le cavallette mi inquietano tantissimo x_x
        Al secondo posto ci sono le vespe, specialmente quelle enormi con i fronzoli (forse le regine?)
        Nell’angolo di una mia finestra accanto al balcone c’è un nido enorme, e anche a staccarlo e tutto si riforma… una volta mi hanno punta O_O”
        E al terzo ci sono appunto le cimici! 😀

        Piace a 1 persona

      2. Però anche questa mi piace… mi immagino già l’assistente del mago illusionista che, chiusa in una cassa di cristallo viene cosparsa di gatti… solo che non sa di essere cosparsa di feromoni maschili o qualcosa del genere… mumble mumble… du’ gocce su polsi, collo e scollatura e passa la paura.

        Piace a 1 persona

      3. No no, al contrario credo li faccia arrabbiare, solo che lei non lo sa… Ci devo studiare. Gattini drogati con medicinali che ne alterano l’umore e la vittima cosparsa di ormoni maschili che li fanno infuriare… mmm può essere un buon inizio.

        Piace a 1 persona

  2. I pensieri negativi come le mosche …meglio non usare la chimica.fai entrare nella tua mente una rondine e l’azzurro in cui vola e vedrai che le mosche in poco si divora. Ed in più il suo garrire oltre che la mente anche il cuore fa aprire

    Piace a 1 persona

  3. Bellissimo blog, “atti effimeri di comunicazione” è geniale 👍🏻 P.S. Rispondendo al tuo commento sul mio blog devo aver per sbaglio cancellato il commento stesso, scusa. Comunque ti ringrazio tantissimo e ti seguirò con piacere, buona giornata !

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille Claudio!! E benvenuto! ^_^
      Non c’è problema, anche a me è capitato! Comunque se vai nella sezione “commenti” delle impostazioni, ci sono anche quelli cancellati, che puoi ripristinare! 🙂
      Grazie di nuovo, e complimenti ancora anche a te, le tue foto mi piacciono proprio nelle atmosfere, soggetti e colori!
      A presto! ^_^

      Piace a 1 persona

      1. Mentre mi scrivevi ero immerso nel tuo blog…credo sia il tuo dono questo scrivere cosi vivace e questo abbinamento di semplicità a concetti forti…intensi …si trasforma in merce rara. È un modo molto coinvolgente … Brava le grandi letture sono quelle che ti mettono a tuo agio…
        Grazie per il benvenuto…è una grande piacere

        Piace a 1 persona

      2. Ma che bello, davvero grazie!! *___*
        Credo che gran parte del “lavoro” lo faccia anche chi legge. Infatti se vedi questo è anche perché sai immedesimarti e hai empatia 🙂
        Apprezzo particolarmente che sia emersa la semplicità, perché in passato mi ero bloccata tanto con lo scrivere, andandolo a complicare… invece ho visto che se scrivo semplicemente ciò che mi viene, è meglio! Grazie veramente, anche per me è un piacere!! Verrò anch’io a leggerti più approfonditamente in questi giorni, mi piace molto il taglio del tuo blog! *_*

        "Mi piace"

      3. Non sono certamente la persona adatta a darti un consiglio, ma se posso permettermi – da lettore si nota che hai una padronanza elevata della lingua madre e quando alzi il livello comunicativo non perdi quota , semmai si alza la qualità. il consiglio ( sempre permettendomi ) è quello di scrivere liberamente senza blocchi immaginari, chi ha mai detto che la semplicità non sia intensa? fare giri suggestivi è arte di chi deve tentare di stupire per camuffare, ma usare dialoghi o frasi più contenute e coinvolgere è la cosa a mio avviso più complessa. Poi è il tuo spazio – sei tu il motore di questo spazio e devi essere libera. ti ho detto trasportare un lettore e appassionarlo è una cosa complicatissima – io sono 1% del lettore del tuo blog ( piacere ) e dal mio 1% è stato istintivo proseguire… questo non è semplice..

        Piace a 1 persona

      4. Grazie mille!! 😊 Ora sto facendo proprio così, ossia scrivere esattamente come mi viene! Al massimo taglio se vedo che c’è qualche ripetizione o simili…
        Non so quanto ci stia riuscendo, ma sono più soddisfatta rispetto a prima, e la mia ricerca sta puntando sempre verso la semplicità 🙂
        Sul blocco nello scrivere mi riferivo a scritti precedenti rispetto a questi del blog, dove puntando solo al significato stretto di ciò che volevo dire, come a livello teorico, perdevo il gusto del giocare con le parole e con i pensieri, e il tutto risultava più pesante. Invece sto notando che se scrivo senza una finalità precisa a livello di significato, con più libertà, poi esce comunque ciò che volevo intendere! 🙂
        In questi giorni sto recuperando alcune vecchie poesie sparse, da quei quaderni vecchi… pubblicherò quelle che preferisco! 😊
        Grazie ancora!!!

        "Mi piace"

Rispondi a Francesco Cacciola Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...