Il sogno più spaventoso

sadfish
Elementi del collage: immagine tratta da un libro di scienze degli anni 70 e parole ritagliate da un vocabolario di italiano-inglese per ragazzi degli anni 90.

Il sogno più spaventoso che abbia mai fatto da piccola è quello del drago rosso; invece il sogno più spaventoso che abbia mai fatto da grande, e che più ricordo, è quello di cui parlerò ora.

In questo sogno venivo a scoprire che l’umanità, o quantomeno la mia città, veniva relegata a vivere in una specie di enorme conchiglia-alveare gigantesca, a forma di sfera.

Questa sfera enorme sembrava fatta di uniforme granito, ed aveva una specie di equatore vetroso che separava la calotta nord e la calotta sud, forse come un ponte centrale.

Questa sfera era posta su una spiaggia altrettanto proporzionalmente e indicibilmente vasta. Ma tutto questo lo capii, non so come, solo andando avanti col sogno.

L’inizio fu che un giorno, tornando a casa (dopo un giro per la città che pure sognai), vidi il mio cortile leggermente diverso, più inquietante. Le statue di cigni che c’erano (e che nella realtà comunque non ci sono), quel giorno erano nere e arcigne.

Entrando in casa mi resi conto che, da quel giorno, tutto era un’illusione. Tutti gli ingressi delle nostre case erano illusori.

Infatti da quel giorno ognuno viveva in quella conchiglia-alveare. Ed entrando vidi che ogni famiglia in realtà entrava in casa da una minuscola porticina di legno.

Tutte le porticine erano ammassate sulle pareti dalla strana geometria, e quindi su una parete ci potevano essere più porticine, anche che facevano angolo tra loro, o messe in verticale, come che si aprissero sul soffitto.

Ogni porticina era l’ingresso di una altrettanto minuscola casa per umani, che però nel sogno non vidi.

Ma ognuno era convinto di entrare nella sua vecchia casa, infatti c’era l’illusione visiva di entrare ancora dai propri vecchi cortili, che però, come una imperfezione/déjà vu della Matrix.

Infatti alle persone che conoscevo, tutte trasferite lì, questo repentino cambiamento non dava particolarmente problemi.

E queste porticine del nostro nuovo mondo si affacciavano tutte su un enorme, gigantesco, vastissimo centro commerciale-sala giochi-paese dei balocchi 24h/24.

Forse, questo grande spiazzo perennemente al chiuso, dove giorno e notte si fondevano, coincideva con l’anello centrale della conchiglia-alveare che ci conteneva tutti.

Era questa la cosa più angosciante del sogno. Perenni suoni, rumori, lucine, e io che con delle mie amiche mi ritrovavo a camminare, assonnata, senza una mappa in testa di quel posto senza luce e senza fine.

E chi ci aveva messi lì?

62 Comments

    1. Grazie Paola!! 😍😍
      Come ho scritto nel post precedente, da ieri ho i commenti bloccati, tranne che da me finiscono in spam! Forse ne hai alcuni miei in spam, ieri ho provato un sacco a commentarti quando provavo!
      Ho scritto all’assistenza e sto aspettando 🤔

      "Mi piace"

      1. Davvero? 😀 come mai non li vuoi ricordare?
        Io pure alcuni li dimentico, altri invece mi tornano in mente con alcuni dettagli come flash nella memoria durante il giorno, anche sogni vecchi!
        Ma mi fa piacere come cosa! 😊

        "Mi piace"

      2. I flash possono tornare anche a me ma non so mai a cosa si collegano esattamente.
        Riguardo alla tua domanda posso dirti che avevo la tendenza ad immergermi troppo nelle cose, a dare loro troppo peso e ciò mi causava piccoli disagi fino a giungere ad un disagio più serio, che ha colpito la mia salute, e ho deciso di fare in modo che diverse cose, oltre ai sogni, andassero perse per evitare di restarci ancorata più del dovuto. L’autodifesa di cui ti parlavo insomma.

        Piace a 1 persona

      3. Ah ok! Forse ho capito cosa intendi… il non autocondizionarti troppo mentalmente? A me è successo quando anni fa mi ero incuriosita con tarocchi e affini tipo i-ching ecc: per quanto l’avessi provato con leggerezza mi ci incupivo dietro e vivevo con più ansia… già che ho ansia di mio son stata molto meglio a lasciar perdere tutto!
        E riguardo ai sogni, faccio lo stesso nel senso di non trovar loro il minimo significato “mistico, nascosto” perché mi manderebbe ugualmente in confusione… anche perché non saprei mai se è vero! Quindi mi godo gli spettacoli mentali con ammirazione per il mistero che comportano, ma finisce lì 🙂 Intendevi qualcosa di simile?

        Piace a 1 persona

      1. Noo, riesco solo con chi mi va a rimuovere dallo spam manualmente, con gli altri no!
        Ho scritto all’assistenza ma ancora niente…
        Domani indago ancora, chiamo big jim colombo 😂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...