Ritratti di un mondo precedente – 1

Ciao a tutti!

Nei giorni scorsi tra festività che non mi piacciono, stress per vari motivi e stanchezza non ho postato niente qui sul blog… solo su Instagram.

Ma nel frattempo sono riuscita a finire la copertina del libro di cui vi parlavo! Ora l’ho mandato a pochi lettori fidati per vedere se trovano errori che mi sono sfuggiti, e appena sarò più tranquilla inizierò a cercare gli editori a cui mandarlo.

Ma nel fare ciò… mi è tornata la voglia di disegnare!

Sto cercando sempre di più un metodo che mi permetta di fare poco e spesso, in posizioni e modalità che non mi diano problemi con il collo e la schiena –  a differenza di com’è stato con la full immersion della copertina!

Insomma, qualcosa di sostenibile nel tempo, e rilassante.

Come soggetto ho pensato a un’idea che mi era venuta, simile, per illustrare il mio primo libro, cosa che non ho poi fatto perché non mi trovavo, ero in pieno blocco creativo a livello del disegno.

Quindi ora ho ripreso quelle idee, con altre immagini in mente, e con una tecnica evoluta dalle ultime cose, che ho intenzione proprio di sperimentare ulteriormente.

L’idea è di partire da vecchie foto (mio tema classico) e di, semplicemente, ritrarre a modo mio un mondo che ora sembra sempre più lontano.

Ecco dei mitici portafoto vintage

gm

ed ecco il primo ritratto.

Il soggetto in foto è la mia bisnonna, ma non importa chi sia, e questo è uno dei motivi tra il tecnico e il filosofico per cui ho scelto di fare il volto così – cosa che avevo già fatto anche in lavori passati che vorrei ritrovare. Solo così era in armonia.

IMG_20220105_164529

La foto originale era in formato piccolo, che ho ampliato ma restando nel formato A5, che è sempre piccolo… così d’ora in poi vorrei continuare direttamente su fogli A5.

IMG_20220105_164454

Ho iniziato il prossimo: mia nonna su una barchetta da bagnino. Lo vedrete appena lo finisco!

31 Comments

  1. Ciao Sara, lieto di sentirti, buon anno.

    “che non mi diano problemi con il collo e la schiena”
    Inizio stasera la ginnastica posturale…

    Io sono pieno di “mitici portafoto vintage”, mio padre poi… decine e decine, per non dire centinaia.

    Piace a 1 persona

      1. Il fatto è che le mie attività sistemistiche riescono ovviamente meglio in ufficio: non riesco a replicare in un PC da casa tutti i software di cui necessito e che uso dalla postazione lavorativa.
        Inoltre molti colleghi mi chiamano (ho la deviazione di chiamata attiva sul cellulare) per aiuti “in loco” che ovviamente da casa non riesco a fare.
        Diciamo dunque che posso lavorare, ma ho il freno a mano tirato, una operatività al 70%.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...